Il Festival tango y todavia Mas, che unirà musica, danza e poesia e caratterizzato da una ricerca costante, si terrà dal 12 al 19 ottobre al teatro Lauro Rossi

 Macerata- Si terrà a Macerata dal 12 al 19 ottobre 2012 il … con la direzione artistica di Hector Ulises Passarella, il musicista di origini uruguaiane, maceratese di adozione, considerato uno dei più grandi bandoneonisti e uno dei più interessanti compositori di tango moderno. Il festival – patrocinato dal Comune [...]

Regione MARCHE - Italy

Città di MACERATA

Festival Tango y todavía Más…

2012

Festival Tango y todavia Mas…2012

12 e 19 ottobre

biglietto ingresso € 12,  ingresso ridotto per studenti € 7

16 ottobre

ingresso gratuito   

Info e Prevendita

Biglietteria dei Teatri di Piazza Mazzini (MC)  Tel. 0733/230735    

www.centrodelbandoneon.com- www.ulisespassarella.com

Tangos bis der Regen kommtIngolstadt (DK) Basta poco, per fare un concerto all’aperto a Ingolstadt torre distrutta Baur: solo alcune grosse gocce di pioggia. „Wir sind nicht aus Zucker, aber unsere Instrumente sind einfach zu wertvoll“, entschuldigte Dirigent Lavard Skou Larsen die eilig abgehenden Musiker des Georgischen Kammerorchesters und folgte ihnen in die Innenräume des Festungsgebäudes. “Non siamo fatti di zucchero, ma i nostri strumenti sono troppo importanti,” si scusò conduttore Lavard Skou Larsen, il pezzo in uscita dei musicisti georgiani Orchestra da camera e li seguì verso l’interno del palazzo fortezza.

Grandios: Oscar Benavidez und Laura Francia tanzen zur Musik des Georgischen Kammerorchesters - Foto: Schaffer Terrific: Oscar Benavidez Francia e la danza Laura la musica dell’Orchestra da Camera della Georgia - Foto: Schaffer

So endete das Konzert im ausverkauften Turm Baur bereits nach etwa einer Stunde. Così il concerto in un gremito torre Baur è conclusa dopo circa un’ora. Sehr bedauerlich. Molto sfortunato. Denn der Solist des Abends, Héctor Ulises Passarella aus Uruguay, gilt zu Recht als der bedeutendste Bandoneon-Virtuose unserer Zeit. Per il solista della serata, Hector Ulises Passarella da Uruguay è, giustamente considerato il più grande virtuoso bandoneon del nostro tempo. Seine Kunst ist schier überwältigend. La sua arte è quasi schiacciante. Die ersten Takte des Bandoneon-Konzerts „Aconcagua“, in denen die hellen, fast perkussiven Töne von Passarella vom warmen Streicherbad der Georgier umhüllt wurden, klangen noch ziemlich gewöhnlich. Le prime battute del Concerto per Bandoneon “Aconcagua”, in cui le luminose, suoni quasi percussivi di Passarella furono avvolti da calde Streicherbad georgiani sembrava ancora piuttosto ordinario. Dann aber, beim ersten Solo und besonders im zweiten Satz, zeigte der Künstler, was er kann. Ma poi, alla prima personale, e soprattutto nel secondo movimento, l’artista ha dimostrato quello che può fare.Sein Instrument gewann plötzlich an Farbe, die Töne flirrten und zitterten, wogten auf und ab, flehten und klagten, suggerierten die Hitze in südamerikanischen Straßencafés, die Melancholie, die über den verwitterten Straßenzügen liegt. Il suo strumento ha vinto improvvisamente a colori, i suoni e tremava tremolava, oscillava avanti e indietro, l’accattonaggio, lamentandosi, ha suggerito il calore in Sud America caffè di strada, la malinconia che si trova sulla strada intemperie. Dabei setzte Passarella jeden Effekt, jedes Schluchzen, jede Verzögerung mit größter Präzision und Durchdachtheit ein. Si trovava Passarella uno ogni effetto, ogni singhiozzo, ogni ritardo con la massima precisione e la raffinatezza.

Beim zweiten Werk des Abends, dem vielleicht berühmtesten Tango Lateinamerikas, „La Comparsita“ von Matos Rodriguez (1897–1948), traten dann erstmals Oscar Benavidez und Laura Francia auf und tanzten unmittelbar vor dem Orchester – leider auf einer so niedrigen Bühne, dass für die meisten Besucher die Beinarbeit verdeckt blieb. La seconda opera della serata, forse il più famoso tango latino-americana, “La Comparsita” di Matos Rodriguez (1897-1948), ha poi per la prima volta Oscar e Laura Benavidez Francia e ballato poco prima l’orchestra - purtroppo su questo palco basso, che per la maggior parte dei visitatori del gioco di gambe è rimasto nascosto.

Was man sehen konnte, überwältigte dennoch: die Würde und Präzision bis zu den angewinkelten Fingern, mit der der wesentlich ältere Oscar Benavidez seine Partnerin führte, und die ernste Anmut von Laura Francia. Vedi quello che potrebbe essere sopraffatti, però: la dignità e la precisione verso le dita flesse, con il molto più vecchio Oscar Benavidez ha portato la sua compagna, e la grazia solenne di Laura Francia. Dann folgte noch eine Eigenkomposition von Passarella, die mitreißende „Suite Rioplatense“ – und die Musiker mussten sich den schweren Regentropfen geschlagen geben. Poi seguì una composizione originale di Passarella, il risveglio “Rioplatense Suite” - i musicisti e ha dovuto ammettere le gocce di pioggia pesanti colpito.

GERMANY 02.08.2012 - Tangos, Milongas und Fandangos aus den Metropolen um den La Plata Strom

IILA Istituto Italo-Latino Americano - Incontro con il Maestro Héctor Ulises Passarella 9 febbraio 2012

Giovedì 9 febbraio 2012, ore 18.30, sede IILA

L’IILA, l’Ambasciata dell’Uruguay e il Centro del Bandoneón hanno presentato l’incontro con il Maestro Héctor Ulises Passarella: “Charlemos de bandoneón y de un tango sin etiquetas…” (”Parliamo di bandoneón e di un tango senza etichette…”), aperto dalle parole di saluto dell’Ambasciatore Federico Ortuño-Victory, Presidente dell’IILA

L’incontro con Héctor Ulises Passarella, considerato “… uno dei musicisti più completi nella storia del bandoneón…” (Ricardo Ostuni, 2011) è stato un’opportunità per approfondire la conoscenza di questo meraviglioso strumento, attraverso le spiegazioni e le video-proiezioni commentate dal grande Maestro uruguayano.

Questo incontro si inserisce in un progetto culturale che il Centro del Bandoneón, che riunisce amanti di questo strumento che arrivano da tante parti d’Italia, sta portando avanti da quasi tre anni a Roma, cercando di dimostrare come il bandoneón non è e non può essere solo legato ai locali milongueri.

Il Maestro Passarella, intervistato da Tania Colangeli, Presidente del Centro del Bandoneón, ha parlato non solo del bandoneón arrivato al Río de la Plata più di 100 anni fa, o del bandoneón di Troilo, di Piazzolla, di Federico, ma anche di un bandoneón fatto conoscere da Alejandro Barletta, da Réne Marino Rivero e dallo stesso Passarella.

A tal proposito Elbio López dice: “Ulises Passarella è uno dei grandi musicisti che l’Uruguay ci ha dato negli ultimi cento anni, ben oltre il genere popolare. Dotato di un’innata tensione verso qualsiasi forma di bellezza musicale, il suo strumento, il bandoneón, è in grado di trasmetterci con la stessa capacità tecnica un’opera di Bach o una creazione di Piazzolla…”.

Durante l’incontro il Maestro Passarella ha parlato inoltre di un tango, quello culturale, con pretese artistiche, derivato da una forte riflessione ed ansia di esistere dell’uomo rioplatense….di quel tango che  il Maestro ha conosciuto da adolescente e che ha iniziato a vivere, a “masticare” nelle orchestre tipiche della sua città, Florida.

Per informazioni:

Segreteria Culturale IILA

Tel 06 68492.225/246

el tanguero magazine

Durante la 10ª Fiera Nazionale della piccola e media editoria, che si è tenuta a Roma dal 7 all’11 dicembre 2011 all’interno del Palazzo dei Congressi, si sono susseguiti alcuni eventi culturali organizzati dall’Istituto Italo Latino Americano(IILA), un organismo che si occupa dello sviluppo in campo scientifico, economico, tecnico e sociale nei Paesi dell’America Latina. Uno di questi eventi è stato lo spettacolare concerto tenuto dal musicista e compositore Héctor Ulises Passarella, di origine uruguayana che da alcuni anni vive in Italia in provincia di Macerata. Molto acclamato dal pubblico, H. Passarella è uno dei migliori artisti che fanno musica con il bandoneon quello strumento tipico con cui maggiormente si diffonde la musica del tango Argentino. Nell’esibizione è stato accompagnato dal  gruppo del Centro del Bandoneon da lui diretto, con sede a Roma e da suo figlio Roberto Passarella che ha eseguito in assolo alcuni pezzi da lui stesso composti. Un vibrante concerto che ha scaldato gli spettatori con brani famosi come “Libertango” ed altri meno noti come “Me tengo que abrir” un brano scritto  dal padre di Héctor Passarella, musicista autodidatta che è stato colui che per primo ha stimolato l’interesse per la musica in Hector, bambino prodigio, il quale ha iniziato ad esibirsi in pubblico giovanissimo e che ora per la sua lunga esperienza e per il talento innato emana passione, forza ed energia in ogni nota emessa dal suo bandoneon.

 Anna Maria Fabbri

Héctor Ulises Passarella - Más allá del tango

El Mensuario “El Defensor de los Pasivos” de Florida.

El Mensuario “El Defensor de los Pasivos” de Florida. 

Tengo el agrado de adjuntarles lo publicado en las páginas 237 a 241 del libro del Profesor, periodista, investigador… Nestor Dipaola, titulado “El tango lejos del puerto”, de reciente aparición, Tiene prólogos de Oscar del Priore ( Fundador y Profesor de la Universidad del Tango de Buenos Aires) y del Profesor antropólogo Daniel Vidart.

dipaola-pag-1b.jpg

dipaola-pag-2b.jpg

dipaola-pag-3b.jpg

dipaola-pag-4b.jpg

dipaola-pag-5b.jpg

Ricardo Ostuni

Ricardo Ostuni un grande storico, poeta e scrittore.

Bad Behavior has blocked 37 access attempts in the last 7 days.